Educazione

La tradizione e le nuove generazioni

Campus estivo

Apprendere i valori universali di amicizia, collaborazione e dialogo al di là delle differenze culturali e di età.
Un laboratorio di tolleranza e convivenza secondo i principi della più pura tradizione induista.
Per una società del domani più inclusiva e integrata.

Campus estivo per ragazzi, presso il monastero indù tradizionale Matha Gitananda Ashram

La tradizione è ciò che nutre l’individuo e lo accompagna nel corso della vita, sostenendolo nei momenti di difficoltà. Per questo è importante preservarla trasmettendola alle nuove genrazioni. Il campus dei bambini è nato proprio per questo scopo, ed è diventato esso stesso una tradizione che si ripete ogni estate nel monastero induista di Altare (SV), il Matha Gitananda Ashram. Lì le monache e i monaci trasmettono i valori universali di amicizia, collaborazione e dialogo attraverso lezioni di yoga, danza indiana, arte, musica e canto ma anche proponendo attività all’aperto per permettere ai bambini, spesso abituati solo alla “giungla d’asfalto” delle grandi città, di entrare in contatto con la natura, di imparare i nomi di alberi e piante, di scoprire dove nascono le verdure che sono abituati a vedere solo al supermercato, intrappolate nella plastica. Alternando momenti di gioco a sessioni di apprendimento, i bambini, sebbene di età e appartenenze culturali diverse, imparano a fare gruppo, a interagire in amicizia. I più grandi danno il meglio di sé per poter essere d’esempio ai più piccoli e nei vari momenti della giornata regna sempre un clima di serenità e spensieratezza. Al termine del campus, i bambini offrono una dimostrazione di ciò che hanno appreso con un breve spettacolino. Quest’anno, grazie alla partecipazione di Silvia De Ambrogi e Igor Orifici, fondatori dell’Associazione di promozione sociale “A­bero Baniano”, i bambini hanno anche avuto occasione di apprendere l’antica arte di creare burattini artigianali e di animarli per mettere in scena le storie della tradizione indiana.
blank
blank
blank

Leggi le altre storie